Bundersbank in crescita

Nel corso del terzo trimestre espansione dell’economia tedesca subirà un forte rallentamento per poi riprendere il suo cammino nella seconda parte dell’anno, questo è quanto annunciato dal bollettino mensile economico di Bundesbank.
Alla sorgente di questa frenata è prevista sia una flessione degli ordini industriali che provengono dagli stati esteri e sia un andamento lento nel settore delle costruzioni con l’annullamento dell’effetto positivo delle temperature miti invernali.

Berlino con l’incremento del prodotto interno lordo a ritmo trimestrale dell’1% nei primi tre mesi è riuscita a fare da locomotiva a tutta la zona euro

e questo grazie alla dinamicità e alla positività del canale di produzione industriale e degli investimenti.
La banca centrale in una nota ha scritto che gli indicatori positivi arrivano dalle indagini congiunturali sulla fiducia delle imprese e dei consumatori che sembrano segnalare che dopo un secondo trimestre abbastanza lento si avrà un miglioramento nella seconda parte dell’anno con uno slancio molto consistente.

Continua il malessere del Dollaro

La moneta americana continua a soffrire nei confronti dell’Euro e dello Yen nonostante che i dati americani relativi agli ordini dei beni durevoli nel mese di aprile e quelli sui sussidi di disoccupazione settimanali siano risultati migliori delle aspettative.
Dopo due settimane di assoluta tonicità del biglietto verde ora gli investitori mostrano una certa cautela in attesa dell’intervento della presidente della Fed Janet Yellen previsto per domani.

Per ora il Dollaro cede lo 0,5% alla nostra moneta unica che riesce a salire a quota 1,1238 e perde lo 0,4% sullo Yen arrivando a quota 108,37.

Domani sera la Yellen parteciperà ad un convegno che si terrà all’Università di Harvard dove potrebbe fornire degli indizi più chiari rispetto alla possibilità di un nuovo ritocco a salire del costo del denaro già nel prossimo mese.
La maggior parte delle ultime trattative borsistiche sono state alimentate dai resoconti della ultima riunione della FOMC nel quale è emerso che la maggior parte dei membri sono d’accordo a una nuova stretta nel mese di giugno.