5 sedute al rialzo per Dlr

Le continue speculazioni su di un eventuale aumento dei tassi interesse danno sostegno al dollaro che oggi riesce ad essere in apprezzamento per la quinta seduta consecutiva nei confronti delle altre monete internazionali, la moneta americana è riuscita ad avere svariate quotazioni ai massimi da una settimana nei confronti dello Yen.
Molti esponenti della Fed in questi giorni hanno continuato a dichiarare che ci sarà una ripresa del ciclo restrittivo della politica monetaria americana.

James Bullard, Presidente della Fed di St. Louis assieme a Patrick Harker, Presidente della Fed di Philadelfia sono del parere che prima di fine anno ci saranno almeno due o tre rialzi dei tassi di interesse.

Gli scambi Euro – Dollaro si mantengono sotto il minimo di fine settimana a 1,1238 che rappresenta il livello più basso da una settimana a questa parte.

Sempre nella mattinata il cambio Dollaro – Yen è riuscito ad arrivare al suo picco intraday a 115, anche in questo caso rappresenta il massimo da circa una settimana.
Il pomeriggio sono stati divulgati i dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione che risultano essere aumentati leggermente ed i dati sugli ordini dei beni durevoli che risultano essere in calo in confronto al mese di febbraio.

Secondo la maggior parte degli operatori il sostegno del dollaro arriva anche da una sistemazione delle posizioni di mercato prima della pausa di Pasqua.
Per quanto riguarda la nostra moneta unica, Tod Helmer di Citi ha dichiarato che dopo gli attacchi terroristici in Belgio la ripresa della nostra moneta unica potrebbe essere molto lenta dato che gli investitori potrebbero decidere di non rischiare i loro investimenti.

Coppia GBP/USD in discesa

Questo martedì la Sterlina perde terreno contro il Dollaro e questo a causa dei dati deludenti sull’inflazione britannica, oltre questo gli investitori dopo gli attacchi di Bruxelles sono meno propensi al rischio.

Il cambio GBP/USD ha toccato 1,3748 che risulta essere il valore minimo dallo scorso 16 marzo, la quota di supporto la troviamo a 1,3528 e la quota di resistenza la troviamo a 1,4011 che risulta essere il massimo da ieri.
Secondo quanto è stato dichiarato dall’Ufficio Nazionale di Statistica britannico

i prezzi al consumo sono saliti dello 0,6% lo scorso mese,

dato che risulta essere invariato da gennaio.

Mark Carney, governatore della Banca d’Inghilterra ora è costretto a scrivere una lettera aperta al Cancelliere dello Scacchiere George Osborn in quanto l’inflazione risulta essere a un livello inferiore di oltre un punto percentuale rispetto all’obiettivo del 3% che era stato fissato dalla Banca Centrale.
I valori dell’indice IPC Core che non tengono conto dei costi di energia, tabacco, alimenti e alcol ha visto un aumento del 2% il mese scorso, valore perfettamente in linea con le aspettative.

Intanto le notizie delle esplosioni avvenute al terminal delle partenze dell’aeroporto di Bruxelles dove sono state uccise almeno 15 persone e ne sono state ferite oltre 50 ha indebolito i mercati azionari.
La Sterlina ha perso terreno contro l’Euro con la coppia EUR/GBP che scende dello 0,38% a 0,8137.